Associazione Interbion

Ritorna

spaziatore

LA LUCE DURANTE LA NOTTE RIDUCE LA PRODUZIONE DI MELATONINA NEGLI ADOLESCENTI

31 Agosto 2015 (Usa)
 

Anche solo un "punto luce" tenuto acceso durante la notte non solo ritarda il momento di addormentarsi ma nei giovani adolescenti riduce anche la produzione di melatonina. Lo rivela una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. La biologia del sonno dei ragazzi di età compresa tra i 9 e i 15 anni è dunque più influenzata dalla luce rispetto ai ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 16 anni.
Tra i 38 giovani adolescenti (9-15 anni) controllati, un'ora di esposizione ad una luce di 15 lux (tipo un punto luce) ha ridotto la produzione di melatonina del 9,2%; una luce pari a 150 lux (tipo stanza illuminata normalmente) lo ha ridotta del 26%; una luce infine pari a 500 lux (tipo supermercato) la ha ridotta del 36,9%. Nei 29 ragazzi più grandi (11-16 anni) esaminati, questi dati sono stati rispettivamente pari a 0% (15 lx); 12,5% (150 lx); 23,9% (500 lx).
"Piccole quantità di luce durante la notte, come quella degli schermi, può essere sufficiente per influenzare il sonno", dice l'autrice dello studio Mary Carskadon, professoressa di psichiatria e comportamento umano presso la Alpert Medical School of Brown University (Usa). "Gli studenti che hanno tablet, televisori o computer, perfino una torcia elettrica 'vecchia scuola' sotto le coperte per leggere, stanno spingendo i loro orologi circadiani verso una più tardiva temporizzazione. Questo rende più difficile andare a dormire e svegliarsi la mattina seguente per andare a scuola" (Fonte: http://www.sleepreviewmag.com)

 
31 Agosto 2015
spaziatore
Associazione Interbion

Associazione Interbion
Via Montevecchio, 82

61032 Fano (PU)

Codice fiscale 97772670150

Privacy policy